top of page
  • Metel

“È ora di far crescere le Modelling Classes di ETIM".

Vi presentiamo il nuovo membro del team di ETIM, Benjamin Sjölander


Il mese scorso ETIM International ha dato il benvenuto a un nuovo membro del suo staff. Benjamin Sjölander, 37 anni, ex ingegnere BIM e specialista di dati, proviene da Örebro, Svezia. Attualmente si sta insediando come responsabile del supporto alla standardizzazione. Abbiamo parlato con lui del suo background professionale, dei suoi progetti e delle sue ambizioni. Conosciamo Benjamin!


Innanzitutto, congratulazioni e benvenuto nel team ETIM. Può parlarci un po' della sua esperienza professionale?


"Grazie! Se ci penso, ho un background piuttosto strano. Dopo la scuola superiore ho deciso di lavorare per un po' prima di andare all'università. Ho fatto domanda per un lavoro di vendita. Ho pensato che uscire dalla mia zona di comfort avrebbe giovato alla mia crescita personale. Ho sviluppato competenze che prima non avevo e soprattutto ho imparato molto sul comportamento umano. Migliorare le vendite facendo in modo che le persone tornino a chiedere di più, che ti raccomandino e che quindi attirino nuovi clienti. Per me questa era l'azienda giusta (telecomunicazioni del mercato consumer), perché ho potuto sperimentare come il mondo sia passato dai classici telefoni a bottone agli smartphone, e tutte le sfide che ne sono seguite".


Cercare la logica delle cose


"Dopo un anno l'azienda ha aperto anche un settore commerciale per i suoi prodotti e io sono stato uno dei primi ad occuparmi delle vendite. Dopo due anni sono passato a un ambiente più orientato alle persone in un'azienda chiamata PhoneHouse. Dopo otto anni mi sono reso conto che non volevo rimanere nel settore delle vendite per il resto della mia vita o fare carriera lì, anche se lavorare in un ambiente tecnico mi andava bene. Così ho deciso di combinare il lavoro con gli studi".


Diventare ingegnere BIM


"Ho scelto ingegneria perché sapevo di voler fare qualcosa di tecnico, ma non riuscivo a definire esattamente il tipo di ingegnere che volevo diventare. Alla fine ho scelto l'edilizia perché si avvicinava di più ai miei interessi. Durante l'ultimo semestre ho trovato lavoro come ingegnere BIM presso uno studio di architettura. Il lavoro consisteva nel creare e gestire modelli BIM per varie costruzioni e oggetti. È qui che mi sono imbattuto per la prima volta nel modello ETIM. La scelta delle porte, dei pannelli in legno, delle travi e delle giunzioni giuste si traduceva spesso in una confusione di dati con una qualità incoerente da parte dei diversi produttori. Avevamo bisogno di una struttura di dati standardizzata e il modello ETIM era perfetto per questo. Il periodo trascorso lì mi ha insegnato che gli ingegneri BIM, soprattutto in architettura, devono essere come ragni che tessono ragnatele per collegare tutto insieme e lavorare in modo efficiente.


Un nuovo tipo di risoluzione dei problemi


"Dopo due anni, ho deciso di ampliare ancora le mie vedute e ho trovato lavoro come data manager presso un'azienda svedese chiamata CAB Group, specializzata nella gestione dei danni da costruzione e delle richieste di risarcimento assicurativo nei Paesi nordici. Ho gestito i dati, contribuito all'ottimizzazione dello strumento e trovato il modo di creare dati uniformi per una migliore comprensione dei costi dei progetti. Oltre all'analisi dei dati, ho parlato molto con gli utenti e i clienti per capire le loro esigenze e prendere le migliori decisioni possibili. Dopo un anno sono diventato leader del processo e presidente del consiglio di gestione dei dati, supervisionando le nostre attività, i processi e le priorità. Inoltre, ho rappresentato il dipartimento di gestione dei dati presso diverse associazioni di stakeholder, presentando le nostre attività, i cambiamenti, le priorità e discutendo le loro esigenze. Non è diverso da quello che ci si aspetta da me all'ETIM nel prossimo futuro. Dopo tre anni di lavoro, sono entusiasta di condividere le mie esperienze qui in ETIM International".


Cosa l'ha spinta a lavorare su ETIM e su cosa si concentrerà esattamente?


"Mi piace la prospettiva più ampia che il processo di standardizzazione richiede: per gestire uno standard di classificazione è necessario padroneggiare diverse discipline. Quando mi sono imbattuto nell'annuncio di lavoro di ETIM e ho letto cosa stavano cercando e che si trattava di “qualcuno che potrebbe non esistere”, ho pensato: “Ecco, sono io, io esisto. L'unica casella che non ho spuntato è stata quella di non vivere in un raggio di 250 chilometri dalla sede centrale di ETIM. Alla fine, il mio ingresso in questa squadra non fa che sottolineare le qualità internazionali di ETIM. Dopotutto, incontrarsi online può essere altrettanto efficace di un viaggio in auto di due ore per incontrarsi.


Sono molto entusiasta di affrontare le sfide che mi attendono. In questo team ognuno ha le proprie responsabilità e le principali aree di competenza. In qualità di responsabile del supporto alla standardizzazione, mi occuperò principalmente di portare avanti l'ETIM MC, ma sarò coinvolto anche nel lavoro generale. Questa estensione del modello ETIM specifica i parametri per la rappresentazione dei prodotti come oggetti geometrici 3D e consente lo scambio uniforme di dati di prodotto 3D. In qualità di ex ingegnere BIM, specialista di dati ed esperto di vendite, questo percorso mi sembra adatto".


Far crescere l'ETIM MC


"Confrontando l'ETIM MC con lo standard ETIM stesso, vedo alcune sfide. Cerchiamo di espandere il supporto, lo sviluppo, l'adozione e di aumentare la curiosità per coinvolgere più membri. Dato che l'ETIM MC è ancora piuttosto giovane, sono impressionato nel vedere quanta strada ha già fatto. È necessario continuare a crescere con più classi in futuro e allo stesso tempo dobbiamo proteggere l'alta qualità e la stabilità dei modelli esistenti. Sto cercando di apportare alcuni miglioramenti nella gestione dei dati per rendere l'esperienza dell'utente ancora migliore. ETIM MC ha un posto importante nel futuro e sono entusiasta di poter contribuire al suo successo e alla sua crescita".

1 visualizzazione0 commenti

댓글


bottom of page