top of page
  • Metel

Modelling Classes ETIM: un'introduzione (internazionale)

ETIM International ha grandi ambizioni di promuovere l'adozione, l'ulteriore sviluppo e la manutenzione delle Classi di Modellazione ETIM, o ETIM MC. Il primo passo per raggiungere questo obiettivo è l'introduzione di questa estensione del modello di classificazione ETIM a un pubblico internazionale più ampio. Ma cos'è esattamente l'ETIM Modelling Classes? Il Direttore Tecnico Marc Habets e il Direttore della Comunità Jeroen van der Holst sono più che felici di spiegarlo.


Standardizzazione parametrica per gli oggetti BIM


Come estensione delle normali classi di prodotto ETIM, le Modelling Classes ETIM standardizzano il contenuto parametrico degli oggetti BIM. La parametrizzazione dei modelli BIM (3D) è particolarmente adatta per i prodotti ripetibili che sono disponibili in molte misure e dimensioni, ma hanno una forma simile, come raccordi, passacavi e pompe. Molte librerie commerciali di contenuti BIM utilizzano questa tecnologia, ma tutte continuano a reinventare gli stessi modelli parametrici per pompe, serbatoi, cassette di giunzione e finestre. Questo fa sì che i produttori debbano fornire set di dati diversi a piattaforme BIM diverse per lo stesso prodotto.


Generico o specifico per il produttore: tutto in un'unica famiglia parametrica


I dati della Modelling Classes ETIM sono indipendenti dai fornitori e dagli standard BIM, in modo che i produttori siano sollevati dall'onere costante di scegliere tra formati di file di oggetti BIM, standard BIM e piattaforme. Marc Habets chiarisce che: "Standardizzando e separando il contenuto parametrico dall'aspetto, i produttori possono ora offrire un unico set di dati con parametri per ogni oggetto BIM, in qualsiasi formato. Gli oggetti BIM presenti in qualsiasi libreria e su qualsiasi piattaforma software possono essere creati come modelli per il consumo dei dati ETIM. Senza dati specifici del produttore, questi oggetti possono servire per scopi di progettazione generici, ma possono anche essere resi specifici per il produttore semplicemente caricando un set di dati."


Van der Holst aggiunge: "I vantaggi sono reciproci, poiché i modellatori BIM del settore delle costruzioni e delle installazioni devono solo investire in un'unica libreria di oggetti uniformi a loro piacimento. Anche se non si dispone di tutte le dimensioni di una canalina portacavi, di una pompa o di un vaso di espansione, è possibile disegnarli in una forma generica con un livello di dettaglio basso ma riconoscibile. Con queste dimensioni come variabile parametrica, è possibile riutilizzare lo stesso oggetto BIM in una varietà di luoghi, con dimensioni diverse, numeri di prodotto, specifiche tecniche, ecc. Molte di queste dimensioni facevano già parte dell'ETIM, ma le nuove Modelling Classes includono disegni di riferimento che fungono da progetti per i vari oggetti BIM".


Modelling Classes ETIM, una breve storia


Le prime idee alla base delle Modelling Classes ETIM sono emerse intorno al 2011 e sono nate nella comunità BIM dei Paesi Bassi. Ben presto, l'associazione degli installatori olandesi (Techniek Nederland) ha accolto l'idea. Nel 2014-2015 hanno investito in un progetto pilota per creare una prova di concetto, con il supporto dell'ente di standardizzazione locale (Ketenstandaard Bouw en Techniek BV), delle case produttrici di software BIM e MDM, di grandi imprese di installazione e di una serie di produttori. Nel 2016 sono stati definiti i primi 360 oggetti BIM parametrici standardizzati per le installazioni elettriche, idrauliche e HVAC.


Il passo successivo si è rivelato più difficile: dimostrare al settore che queste definizioni di oggetti potevano essere trasformate in oggetti BIM utilizzabili. Nel 2018 gli installatori, le software house, i grossisti e i produttori coinvolti hanno aumentato il loro impegno e hanno investito insieme nella creazione di una libreria centralizzata di oggetti BIM chiamata Open Uniform Object Library, con una tabella di marcia per una serie di casi d'uso.

Per quanto promettente, ETIM Olanda e l'industria dell'installazione olandese hanno presto concluso che il successo di questo progetto sarebbe dipeso in larga misura da una diffusa adozione internazionale. Molti dei produttori che dovranno fornire i dati hanno sede all'estero.


Per garantirne il futuro, hanno raggiunto un accordo con ETIM International per rilevare la proprietà e l'ulteriore sviluppo e manutenzione dell'estensione dello standard ETIM. Marc Habets aggiunge: "Siamo lieti di poter affermare che attualmente abbiamo più di 500 oggetti descritti come Modelling Classes ETIM e che questo numero sta crescendo rapidamente. A livello internazionale, ETIM Germania ha acquistato le Modelling Classes ETIM e sta investendo in una propria libreria uniforme di oggetti, ma anche altri paesi membri dell'ETIM, come Norvegia, Regno Unito, Francia, Italia e Svizzera, si sono interessati e stanno valutando le loro opzioni".


Modelling Classes e altri standard BIM: l'integrabilità è fondamentale


Marc Habets sottolinea che: "Le Modelling Classes di ETIM non sono altro che una standardizzazione delle dimensioni parametriche e di alcune proprietà computazionali aggiuntive. Si integrano molto bene negli standard BIM comuni come IFC, bSDD o ISO 16757. Inoltre, qualsiasi software BIM in grado di gestire oggetti parametrici può costruire oggetti modello BIM basati sulle classi di modellazione ETIM. Alla comunità ETIM (fornitori e grossisti) non interessa come la comunità BIM utilizzi esattamente i propri oggetti BIM, purché si utilizzino dati convalidati dal fornitore. Dopotutto, questa è l'idea alla base delle Modelling Classes ETIM: sono destinate a essere utilizzate nelle librerie di oggetti BIM".


Casi d'uso


Integrando le Modelling Classes ETIM nella libreria BIM, nel software BIM, nel sistema PIM, all'interno della verticale aziendale, è possibile:


  • Iniziare la progettazione con oggetti BIM generici e creare risultati specifici per il produttore, semplicemente scambiando l'oggetto dati.

  • Convalidare in tempo reale gli oggetti specifici del produttore nei modelli BIM, in base ai dati più recenti forniti dal produttore.

  • Trovare prodotti alternativi tecnicamente compatibili ed equivalenti in base alle classi ETIM e alle sue caratteristiche.

  • In qualità di produttore, è possibile fornire contenuti BIM semplicemente fornendo dati di prodotto attraverso i flussi di lavoro esistenti, indipendentemente da qualsiasi fornitore di software o tecnologia.

  • Collegarsi alla catena di fornitura e ad altri dati standardizzati (come le tabelle dei tempi di installazione standard).

Affrontare il problema


Van der Holst: "Quando si parla con i modellatori BIM, ottenere contenuti di buona qualità è sempre un problema. O il formato del file è sbagliato, o la geometria è troppo pesante e dettagliata, o il dizionario dei dati non funziona. Io stesso provengo da un'azienda produttrice e ho dovuto affrontare altri problemi. La mancanza di risorse per coprire tutti i requisiti di formato dei file e le piattaforme BIM, ad esempio. So per esperienza che molte piccole e medie imprese faticano a fornire contenuti BIM. Mancano di personale qualificato, di budget o di entrambi. Aggiungere qualche dimensione ai loro dati di prodotto, tuttavia, non dovrebbe mai essere un problema. E per le stesse ragioni, dovremmo anche riconoscere che nessuna libreria, piattaforma o grossista BIM sarà in grado di raggiungere una copertura del 100% in termini di fornitura di contenuti BIM di tutto ciò che è disponibile sul mercato. È troppo impegnativo farlo da soli. Questo dovrebbe diventare uno sforzo congiunto sostenuto dalle associazioni di categoria.


Introducendo l'estensione ETIM Modelling Classes al nostro standard aperto, speriamo di semplificare le cose e di creare un ambiente ancora più invitante per lo scambio di dati. Consentendo ai produttori di concentrarsi solo sull'invio di dati di prodotto attraverso i canali esistenti e comunicando alcune grandezze geometriche appartenenti a una descrizione parametrica standardizzata del modello. Finché tutti adotteranno gli oggetti parametrici standardizzati delle Modelling Classes ETIM, i modellatori BIM potranno lavorare con qualsiasi software e su qualsiasi piattaforma. Il nostro obiettivo finale è quello di eliminare tutte le attività di copia-incolla e conversione degli oggetti BIM. Fare copie e convertire o reinterpretare le caratteristiche del prodotto può portare a dati di prodotto errati e sbagliati. E nel settore dell'edilizia e dell'installazione sappiamo tutti a cosa può portare. Con ETIM MC consentiamo al settore dell'edilizia e dell'installazione di automatizzare ulteriormente il flusso di dati dal produttore direttamente ai modelli BIM".


17 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page